È MEGLIO UNA FINE DOLOROSA O UN DOLORE SENZA FINE?

 

 

Nel momento in cui una persona empatica, con un elevato grado di dipendenza affettiva, viene catturata nella rete del narcisista, solitamente è completamente ignara della situazione nella quale è stata coinvolta.
Tenderà quindi a non lasciare mai il partner… ed un narcisista non lascia mai.
Non completamente almeno.
Una vittima di abuso narcisistico si manterrà sempre disponibile a far sì che il narcisista possa continuare a drenare rifornimento narcisistico da lei.
Sicuramente arriverà la fase dell’abbandono, ma è solo una sorta di messinscena nel grande gioco della manipolazione narcisistica.
Un narcisista ti allontana solo per godere del potere che ha nel momento in cui gli basta un niente per riprenderti.
Se la vittima non è sufficientemente forte, e soprattutto consapevole, al punto da liberarsi di quella relazione, si esporrà costantemente al rischio di riaggancio e rivittimizzazione.
Come se fosse legata ad un elastico, di cui il narcisista tiene stretto il nodo lasciandola rimbalzare avanti ed indietro a proprio piacimento.

Quanto tempo può durare questo straziante prendi-e-lascia?
Potenzialmente anche per sempre.

La vittima avrà sempre una funzione di grandissima importanza per il narcisista, in termini di rifornimento, e non c’è alcun motivo (nella percezione patologica) per il quale un narcisista dovrebbe rinunciare a perpetrare questa agonia.

Non chiedere ad un narcisista di porre fine a tutto questo: non lo farà. Mai.
Sii tu la tua motivazione. Chiedi aiuto. Portati in salvo.

Taglia quel filo.

 

 

 

1 commento
  1. Anonimo
    Anonimo dice:

    Sono stata e sono vittima di un narcisista. Credo sia una delle più dolorose e peggiori esperienze che si possano fare nella vita. Una violenza inaudita sull’anima che si riversa, di conseguenza, anche sul corpo.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.